FORGOT YOUR DETAILS?

CREATE ACCOUNT

L’equipaggio ha corso un grave rischio. Il velivolo si trovava ad alta quota, poi si è allontanato ed è sparito. Presentata una denuncia all’Enac.

EI. Un elicottero dei vigili del fuoco della Provincia di Trento ha rischiato la collisione con un drone oggi pomeriggio sui cieli sopra il lago di Cei.

Il drone, di tipo professionale, volava ad alta quota. Quando il pilota dell’elicottero l’ha avvistato, il velivolo immediatamente si è abbassato ed è sparito. (altro…)

Sono ispirati alla specie ‘aurelia aurita’ e serviranno per tenere sotto controllo i fondali, evitando il rischio di collisioni che possono danneggiare la flora marina

Una medusa robotica potrebbe essere utilizzata in futuro per monitorare le barriere coralline, ambienti tipici dei mari e degli oceani tropicali. Le ‘jellybot’ si basano sulla fisionomia della medusa quadrifoglio, anche detta aurelia aurita, caratterizzata dalla forma sferica dell’ombrello e dalla presenza, sulla sommità dello stesso, di quattro strutture circolari, le gonadi, che ricordano l’aspetto di un quadrifoglio. Gli scienziati puntano a rendere i robot dei veri e propri ‘guardiani degli oceani’: la loro funzione sarà di controllare le formazioni rocciose più delicate, senza rischiare collisioni o danni. Il progetto è stato pubblicato sulla rivista scientifica Biomimetics and Bioinspiration.

(altro…)

L’additive manufacturing sta riscontrando un crescente interesse nel mondo manifatturiero, affermandosi come uno dei temi più sulla cresta dell’onda. In questo articolo troverete tutte le informazioni di base per scoprire come sono fatti i nuovi macchinari, quali sono le tecnologie di processo e i materiali maggiormente interessanti.

Questo articolo è stato pubblicato sul numero di maggio 2018 della rivista Industry 4.0 Design Magazine (editore: Quine), la cui versione sfogliabile è disponibile a questo link.

di Enrico Annacondia, AITA – Associazione Italiana Tecnologie Additive*

Che cosa sono le tecnologie additive

Per ovviare ad una iniziale “vaghezza” del termine, è stata recentemente pubblicata una norma di validità mondiale, elaborata congiuntamente dagli enti normatori di vari Paesi. Secondo questo documento (denominato ISO/ASTM52921–1 “Standard Terminology for Additive Manufacturing-Coordinate Systems and Test Methodologies”), le tecnologie additive sono definite come “quei processi che aggregano materiali al fine di creare oggetti partendo dai loro modelli matematici tridimensionali, solitamente per sovrapposizione di layer e procedendo in maniera opposta a quanto avviene nei processi sottrattivi (o ad asportazione di truciolo)”. (altro…)

Arrivato l’aumento ufficiale, da oggi il drone DJI Mavic 2 Pro costa di più. Invariato il prezzo del Mavic 2 Zoom.

Come avevamo anticipato la DJI, dopo aver aumentato i prezzi degli accessori, poche ore fa ha ritoccato al rialzo il prezzo del drone Mavic 2 Pro (da 1449 a 1499€) e della Care Refresh (da 129 a 139€). La versione Mavic 2 Zoom è rimasta invariata a 1249€. Dal momento che i due droni sono identici a parte la fotocamera, l’aumento del prezzo forse è da ascrivere al Gimbal Camera installato sul PRO 2, l’ Hasselblad con sensore da 1”. Tra i due droni la differenza di prezzo è passata dai precedenti 200€ agli attuali 250€.

(altro…)

Al suo primo anno, il Drone Awards 2018, un nuovo concorso fotografico gestito dagli organizzatori dei Siena International Photography Awards, ha decretato le migliori fotografie aeree scattate con l’utilizzo di droni.

Le fotografie aeree, che immortalano la superficie terrestre da un punto di vista molto elevato, sono diventate ormai più accessibili grazie ai droni, veicoli aerei senza equipaggio che consentono di scattare foto da una grande distanza. Una nuova ondata di “fotografi aerei” sta quindi usando questa tecnologia per creare immagini di grande impatto, che offrono un interessante punto di vista del mondo oltre il suo aspetto superficiale.

La prima edizione del concorso fotografico ha ricevuto oltre 4400 contributi da parte di fotografi professionisti di talento e appassionati di fotografia (e droni), provenienti da 101 paesi in tutto il mondo. (altro…)

Ben dieci appuntamenti per approfondire tutte le ultime novità relative alla progettazione e produzione digitale nel settore della gioielleria: a proporli è la Fondazione Centro Produttività Veneto, nell’ambito di VICENZAORO September, in programma in Fiera a Vicenza dal 22 al 26 settembre. La Fondazione Centro Produttività Veneto è infatti partner tecnico della Fiera per l’organizzazione di T.Evolution (Hall 2.2 – Area Convegni), il nuovo progetto che debutta in questa edizione della manifestazione, dedicato appunto tecnologie digitali per l’oreficeria e la lavorazione dei preziosi.

Più in dettaglio, il programma si aprirà sabato 22 settembre: dalle 10:00 alle 11:00 è previsto l’incontro 3DZ “Crea – Stampa – Fondi: come utilizzare la stampante 3D Form 2 di Formlabs per trasformare la produzione nella gioielleria”, e dalle 11:00 alle 12:00 un approfondimento sul tema “3D Systems: l’importanza della Stampa 3D professionale per la gioielleria e l’oreficeria di domani”. Sempre sabato 22, si proseguirà dalle 14:00 alle 16:30 con l’incontro “DWS Digital Wax Systems – Lo sviluppo della stampa 3D nella produzione industriale orafa”, mentre dalle 16.30 alle 17.30 l’approfondimento verterà su “Microfusion – Microfusione a cera persa”. Particolarmente ricca di appuntamenti la giornata di lunedì 24 settembre, con ben cinque incontri.

(altro…)

Il primo impianto pilota per la produzione in serie con stampa 3D è diventato realtà. Il sistema si trova presso il fornitore di aerostrutture Premium Aerotec a Varel, in Germania. L’azienda infatti, collaborando con Eos, che si occupa di stampa 3D a livello industriale, e Daimler, che realizza veicoli, un anno fa aveva contribuito ad avviare il progetto, chiamato NextGenAm.

Gli obiettivi di NextGenAm

L’Additive manufacturing sta diventando un fattore sempre più importante a livello di settore, anche per quanto riguarda la produzione in serie. NextGenAM ha come obiettivo lo sviluppo delle soluzioni di Additive manufacturing di nuova generazione. Dall’avvio ufficiale del progetto nel maggio 2017, il team di lavoro ha controllato l’intero processo per valutarne il potenziale di automazione.

L’obiettivo del progetto è quello di sviluppare una cella di produzione completa, in grado di produrre componenti in alluminio per il settore automobilistico e quello aerospaziale. L’impianto pilota comprende macchinari per la produzione in Additive manufacturing, la post-elaborazione e il controllo qualità. L’innovazione per la catena di produzione sta nel fatto che i singoli passaggi e l’interazione di tutte le fasi del processo sono automatizzati e integrati, con l’eliminazione delle operazioni manuali. Di conseguenza, è possibile produrre componenti complessi, leggeri e al tempo stesso robusti.  (altro…)

Tra gli oggetti smarriti anche un drone

Sono 558 gli oggetti che ad agosto sono stati smarriti a Bologna e consegnati all’Ufficio oggetti rinvenuti del Comune. Tra questi, tanti cappelli di paglia, ombrelloni e occhiali da sole, oltre a portafogli, borse, e indumenti. E questo mese qualcuno ha anche dimenticato un drone.
Un centinaio, inoltre, i portafogli restituiti ai legittimi proprietari, una ventina fra zaini, sacche e borse, tre cellulari, due libretti di circolazione e poi una giacca, un bracciale, un mazzo di chiavi, una chiave da automobile, un Ipod e una borsa piena di cialde da caffè. Di tutti gli oggetti smarriti, ricorda il Comune, viene pubblicato mensilmente un elenco e restano in custodia 12 mesi.

(altro…)

TOP